Life, Food, and Travel

An informal tale of my journeys

Life, Food, and Travel

Viaggio in Calabria e Sicilia: San Giorgio Morgeto

San Giorgio, è un borgo antichissimo fondato dai Morgeti, un popolo italico che popolava la zona ionico-tirrenica della Calabria ancor prima della fondazione di Roma e dell’ascesa della Magna Grecia e ai quali si deve il nome del paese odierno. Da Scilla, per arrivare a San Giorgio Morgeto ci vuole poco meno di un’ora. In questa località si possono visitare tantissimi altri paesi ciascuno di essi con la propria storia, caratteristica e tradizione, come ad esempio Cittanova, famosissima per la Sagra dello Stocco. (more…)

Life, Food, and Travel

Viaggio in Calabria e Sicilia: Scilla

… Scilla ivi alberga, …. Scilla è atroce/ Mostro, e sino a un dio, che a lei si fesse,/ Non mirerebbe in lei senza ribrezzo,/ Dodici ha piedi, anteriori tutti,/Sei lunghissimi colli e su ciascuno/ Spaventosa una testa, e nelle bocche/ Di spessi denti un triplicato giro,/E la morte più amara di ogni dente….. Omero (Odissea, XII, 112…)

Omero, nell’Odissea, descrive così Scilla,  il mostro marino che si nasconde tra gli scogli battuti dalle pericolose e turbolente acque calabresi dello Stretto di Messina, e divora i marinai che incappano tra le sue tremende branche. (more…)

Life, Food, and Travel

Trip to Calabria and Sicily: Serra San Bruno

 

 

 

 

 

 

 

 

Out of Tropea, you can either take the provincial road SP17 or state road SS522 along the coast, to arrive at Vibo Valentia from where you can then start to climb towards the Serre either north-east towards Sant’Onofrio and Simbario or south-east through Soriano Calabro. Regardless of which road you decide to take, the Serre of Calabria will be your endpoint. This a vast mountain area that extends along the Calabrian Apennines starting from the Sila in the North and ending in the Limina, the gate to the Aspromonte mountains at an elevation of 2000 metres.
(more…)

Life, Food, and Travel

World Saving Solutions from Unexpected Sources. The answers are local.

It is inconceivable that many, whether by choice, lack of interest or unawareness, continue to ignore the environmental and climatic changes that are taking place. Since the late sixties, scientists and environmental groups have been sounding the alarm: we are on an irrevocable collision course with disastrous agents of change fuelled by consumerism, greed and a relentless onslaught of technology. (more…)

Life, Food, and Travel

Settembre in Calabria e Sicilia – Pizzo Calabro

La cittadina di Pizzo Calabro è stata la prima meta del nostro itinerario. Il suo nome deriva dalla forma a pizzo di un becco d’uccello, del promontorio su cui si affaccia e che emerge dalla spettacolare Costa degli Dei. L’attuale località fu probabilmente parte di un’antica colonia greca; della quale oggi non rimane evidenza concreta. Di certo è che nel tredicesimo secolo nei pressi di quest’antico villaggio di pescatori, dei monaci Basiliani vi fondarono una comunità. (more…)

Life, Food, and Travel

Our Calabria & Sicilia Tour – September 2019-Part 1

 

 

 

 

 

 

Settembre in Calabria è un mese ancora abbastanza caldo ma non torrido come luglio o agosto. Le giornate sono assai piacevoli e di sera, specialmente nelle zone di mare, si può benissimo indossare una leggera giacca o una maglietta. La temperatura media diurna si aggira attorno ai ventisei gradi, e nel tardo ancora assolato pomeriggio, il ponentino fa cullare i raggi del sole sulle onde turchine del Tirreno. La presenza di bagnanti sulle spiagge ci suggerisce che l’acqua è ancora sufficientemente calda. (more…)

Life, Food, and Travel

Presenting Our September 2019 Tour: Calabria and Sicilia

Tour Highlights:

Tropea, Madonna dell’Isola
  • Tropea, Capo Vaticano, Scilla, Reggio Calabria
  • Day Tour of Aeolian Islands: Stromboli, Panarea
  • Ferry from Villa San Giovanni to Messina, Sicily
  • Taormina, Siracusa, Giardini Naxos
  • Agriturismo and Wine Tasting on Mount Etna
Sicilia, Siracusa

Included in Price: Taxes and airfare from Toronto in economy class, private, exclusive, small group tour, 11 nights’ accommodation in 4 and 5 star hotels, Luxury tourism transportation throughout tour, ferry and airport transfers. All breakfasts and most dinners as per itinerary. (more…)

Life, Food, and Travel

Our Jordan Trip

Jordan: a hidden gem located at the cross-roads of three continents.

Jordan is considered by many to be the melting pot of civilization. It’s richness in historical, cultural, and religious elements gives it a privileged place in the Middle East. A politically stable, calm and safe Middle Eastern country, Jordan is a touristic hub, the home of many internationally renowned restaurants, luxury hotels, attractions, beaches, mountains, deserts, lakes and resorts

Last November, we were part of a FAM trip, sponsored by the Jordan Tourism Board.

Our Royal Jordanian Airlines direct flight from Montreal landed in Amman, the capital city of Jordan. With over four million inhabitants, Amman is one of the most visited cities in the Arab world. In spite of ever greater influence of modernization, science and technology, Amman manages to preserve the rare and dual personality of a modern metropolis and ancient crossroads of peoples and civilizations at the same time.

What makes Jordan attractive to tourists is undoubtedly its rich historical heritage that dates back 7250 years before the birth of Christ. Among some of the most impressive Neolithic artifacts are the statues of Ain Ghazal, which you can admire while visiting the national museum of Jordan, in the Amman Citadel.

In ancient times, the city of Amman was known as Rabath Ammon. An ancient trading post, it later became an important Roman garrison and was renamed Philadelphia. As you enter the Citadel, not far from the center of Amman, you will be amazed to discover perhaps one of the world’s most beautiful and best preserved Roman archaeological sites. An entire Roman city unfolds before your eyes as you walk through the ancient avenues, flanked by astonishing monuments and exceptional architectural treasures.

After a brief visit to Jerash, another hidden gem of the ancient world, our tour continued on to Petra. A little less than three hours south of the capital, not far from the ecological reserve “Dana Biosphere”, opens a series of canyons through a rocky and desert area, leading up to one of the new Seven Wonders of the world.

A natural setting for numerous adventure films, Petra is one of the most important travel destinations, on par with Machu Picchu or the Great Wall of China. The ancient entrance to the capital of the Nabataeans, is about three kilometers from the new town of Petra. You can walk, or if you prefer take a ride on the back of a mule, a camel, or a donkey to arrive at the “treasury”, the ancient doors of the lost rose city.

There are no adjectives that can adequately describe the beauty and enchantment of these places: the sounds of traditional music; the garb of nomadic Bedouin peoples who welcome you with open arms; the rich aromas and flavours of food and drink prepared according to age-old customs; and the astonishing architectural marvel of the buildings carved in the rocks, are to say the least breath-taking.

On the opposite side, just over two hours north of Amman, lies the ancient, biblical baptismal site on the river Jordan. This site is not only a key destination for tourist groups from all over the world, but also a place of pilgrimage for many people of different religious backgrounds. Tradition has it that it was here, on the west bank of the Jordan, not far from Nazareth and the Sea of ​​Galilee, that Jesus was baptized by John. Certainly one of the highlights of our trip was the opportunity to bathe in those same waters and walk on the same land where Christ, the prophets, and the Saints once tread.

There are many other fascinating places to visit in Jordan from Mount Nebo, where God showed Moses the Promised Land, to the Moab plains beyond, where one glimpses the ancient city of Jericho. It is here that you will admire the best-preserved mosaics in the world; depicting the “Story of Creation” and the “Tree of Life”.

Further down, along the King’s highway, you will have another unforgettable experience as you float effortless in the salty waters of the Dead Sea or give your skin a youthful make-over with the mineral-rich muds readily available at one of numerous five-star resorts in the area.

For a truly unforgettable experience, Jordan is a must-see. Add this destination to your bucket list for a first-class holiday, guaranteed to be of immense cultural, historical and spiritual value.

Life, Food, and Travel

Santiago de Compostela un pellegrinaggio per la salute dello spirito e del corpo

road-270216_640Santiago de Compostela un pellegrinaggio per la salute dello spirito e del corpo

Assieme a Roma e Gerusalemme, Santiago De Compostela fu meta, in epoca medievale, di uno dei tre principali pellegrinaggi del mondo Cristiano. Negli ultimi anni questa ridente cittadina spagnola, capoluogo della Galizia ha riafferrato la sua antica notorietà anche grazie all’effetto del social media.

Il nome Santiago è, in effetti, una forma derivata dallo spagnolo “Sant-Yago” e dal latino “Sancti Jacobi”, per indicare il sant’apostolo scelto da Gesù all’inizio della sua missione, dopo essere stato battezzato nel Giordano da San Giovanni.

San Giacomo, assieme al fratello minore Giovanni furono i primi discepoli a seguire Gesù. Le sacre scritture ci dicono che i due erano assieme al padre Zebedeo, pescatori sul lago di Tiberiade, non lontano di casa quando Gesù li chiamo`.

San Giacomo, il quale secondo la tradizione aveva un carattere assai focoso e quindi non aveva peli sulla lingua nell’esporre le ingiustizie e le tirannie dei potenti del suo tempo, divenne il primo apostolo martire quando nel primo secolo fu fatto decapitare dal re Erode Agrippa.

Le sue spoglie, la leggenda vuole, furono trafugate in una località remota in Galizia (l’attuale Spagna) dove riapparvero miracolosamente e propiziamente nell’anno 830 in seguito ad un sogno avuto dall’anacoreta Pelagio. Il vescovo Teodomiro accorso in sito e trovate le spoglie del santo, dichiarò quella località campestre luogo sacro e la battezzò con il nome di “campus stellae” ossia il campo della stella, da cui deriva il nome attuale Compostela.

La località fu a breve tempo scenario di dure battaglie contro gli invasori musulmani i quali furono debellati definitivamente nell’anno 840 anche grazie all’intervento del Santo. La tradizione vuole che alla guida delle truppe cristiane apparisse miracolosamente il Santo e nella battaglia finale i Mori furono sconfitti una volta per sempre. Da qui nasce il soprannome di “Matamoros”, ossia ammazza mori, che da allora fu attribuito a San Giacomo. La località prese quindi il nome di Santiago e li, nel 1075 fu costruita la cattedrale di Santiago da Compostela dedicata a San Giacomo.

Ogni anno, migliaia di pellegrini percorrono uno dei tanti e lunghi tragitti che dal Portogallo, dalla stessa Spagna ed anche dalla Francia portano alla meta finale che è la maestosa basilica di San Giacomo a Compostela e specificamente alla tomba dell’apostolo Giacomo. I percorsi sono vari ma il più lungo è di circa 800 km e può essere completato in un mese a seconda della forma fisica del pellegrino. Ci sono altri percorsi meno ardui che possono essere completati in meno tempo e con più agevolezza. Ad esempio, partendo da Paredes de Coura, non lontano da Fatima, in Portogallo il percorso può essere facilmente abbordato in meno di dieci giorni, camminando una media di 20 chilometri al giorno.

Questo pellegrinaggio è un’occasione unica nella vita di ogni cristiano. Un’esperienza indimenticabile dal punto di vista spirituale e forse anche d’introspezione personale, questo viaggio potrebbe essere anche un’opportunità unica per rimettere a posto non solo lo spirito ma anche il corpo.

Chi volesse intraprendere questo pellegrinaggio, può associarsi ai pellegrini della Parrocchia di Sant’Andre Bessette a Maple, che assieme al loro parroco, Padre Peter Choi, andranno a Santiago de Compostela a maggio.

Consultate il sito www.TourCentral.ca

Per tutte le informazioni o chiamate il 905-264-5992.

Scarica l’itinerario – Download the itinerary >>>

Corriere Canadese 25, gennaio 2018

View More