Author: Luciano Lista

Life, Food, and Travel

Our Jordan Trip

Jordan: a hidden gem located at the cross-roads of three continents.

Jordan is considered by many to be the melting pot of civilization. It’s richness in historical, cultural, and religious elements gives it a privileged place in the Middle East. A politically stable, calm and safe Middle Eastern country, Jordan is a touristic hub, the home of many internationally renowned restaurants, luxury hotels, attractions, beaches, mountains, deserts, lakes and resorts

Last November, we were part of a FAM trip, sponsored by the Jordan Tourism Board.

Our Royal Jordanian Airlines direct flight from Montreal landed in Amman, the capital city of Jordan. With over four million inhabitants, Amman is one of the most visited cities in the Arab world. In spite of ever greater influence of modernization, science and technology, Amman manages to preserve the rare and dual personality of a modern metropolis and ancient crossroads of peoples and civilizations at the same time.

What makes Jordan attractive to tourists is undoubtedly its rich historical heritage that dates back 7250 years before the birth of Christ. Among some of the most impressive Neolithic artifacts are the statues of Ain Ghazal, which you can admire while visiting the national museum of Jordan, in the Amman Citadel.

In ancient times, the city of Amman was known as Rabath Ammon. An ancient trading post, it later became an important Roman garrison and was renamed Philadelphia. As you enter the Citadel, not far from the center of Amman, you will be amazed to discover perhaps one of the world’s most beautiful and best preserved Roman archaeological sites. An entire Roman city unfolds before your eyes as you walk through the ancient avenues, flanked by astonishing monuments and exceptional architectural treasures.

After a brief visit to Jerash, another hidden gem of the ancient world, our tour continued on to Petra. A little less than three hours south of the capital, not far from the ecological reserve “Dana Biosphere”, opens a series of canyons through a rocky and desert area, leading up to one of the new Seven Wonders of the world.

A natural setting for numerous adventure films, Petra is one of the most important travel destinations, on par with Machu Picchu or the Great Wall of China. The ancient entrance to the capital of the Nabataeans, is about three kilometers from the new town of Petra. You can walk, or if you prefer take a ride on the back of a mule, a camel, or a donkey to arrive at the “treasury”, the ancient doors of the lost rose city.

There are no adjectives that can adequately describe the beauty and enchantment of these places: the sounds of traditional music; the garb of nomadic Bedouin peoples who welcome you with open arms; the rich aromas and flavours of food and drink prepared according to age-old customs; and the astonishing architectural marvel of the buildings carved in the rocks, are to say the least breath-taking.

On the opposite side, just over two hours north of Amman, lies the ancient, biblical baptismal site on the river Jordan. This site is not only a key destination for tourist groups from all over the world, but also a place of pilgrimage for many people of different religious backgrounds. Tradition has it that it was here, on the west bank of the Jordan, not far from Nazareth and the Sea of ​​Galilee, that Jesus was baptized by John. Certainly one of the highlights of our trip was the opportunity to bathe in those same waters and walk on the same land where Christ, the prophets, and the Saints once tread.

There are many other fascinating places to visit in Jordan from Mount Nebo, where God showed Moses the Promised Land, to the Moab plains beyond, where one glimpses the ancient city of Jericho. It is here that you will admire the best-preserved mosaics in the world; depicting the “Story of Creation” and the “Tree of Life”.

Further down, along the King’s highway, you will have another unforgettable experience as you float effortless in the salty waters of the Dead Sea or give your skin a youthful make-over with the mineral-rich muds readily available at one of numerous five-star resorts in the area.

For a truly unforgettable experience, Jordan is a must-see. Add this destination to your bucket list for a first-class holiday, guaranteed to be of immense cultural, historical and spiritual value.

Life, Food, and Travel

Santiago de Compostela un pellegrinaggio per la salute dello spirito e del corpo

road-270216_640Santiago de Compostela un pellegrinaggio per la salute dello spirito e del corpo

Assieme a Roma e Gerusalemme, Santiago De Compostela fu meta, in epoca medievale, di uno dei tre principali pellegrinaggi del mondo Cristiano. Negli ultimi anni questa ridente cittadina spagnola, capoluogo della Galizia ha riafferrato la sua antica notorietà anche grazie all’effetto del social media.

Il nome Santiago è, in effetti, una forma derivata dallo spagnolo “Sant-Yago” e dal latino “Sancti Jacobi”, per indicare il sant’apostolo scelto da Gesù all’inizio della sua missione, dopo essere stato battezzato nel Giordano da San Giovanni.

San Giacomo, assieme al fratello minore Giovanni furono i primi discepoli a seguire Gesù. Le sacre scritture ci dicono che i due erano assieme al padre Zebedeo, pescatori sul lago di Tiberiade, non lontano di casa quando Gesù li chiamo`.

San Giacomo, il quale secondo la tradizione aveva un carattere assai focoso e quindi non aveva peli sulla lingua nell’esporre le ingiustizie e le tirannie dei potenti del suo tempo, divenne il primo apostolo martire quando nel primo secolo fu fatto decapitare dal re Erode Agrippa.

Le sue spoglie, la leggenda vuole, furono trafugate in una località remota in Galizia (l’attuale Spagna) dove riapparvero miracolosamente e propiziamente nell’anno 830 in seguito ad un sogno avuto dall’anacoreta Pelagio. Il vescovo Teodomiro accorso in sito e trovate le spoglie del santo, dichiarò quella località campestre luogo sacro e la battezzò con il nome di “campus stellae” ossia il campo della stella, da cui deriva il nome attuale Compostela.

La località fu a breve tempo scenario di dure battaglie contro gli invasori musulmani i quali furono debellati definitivamente nell’anno 840 anche grazie all’intervento del Santo. La tradizione vuole che alla guida delle truppe cristiane apparisse miracolosamente il Santo e nella battaglia finale i Mori furono sconfitti una volta per sempre. Da qui nasce il soprannome di “Matamoros”, ossia ammazza mori, che da allora fu attribuito a San Giacomo. La località prese quindi il nome di Santiago e li, nel 1075 fu costruita la cattedrale di Santiago da Compostela dedicata a San Giacomo.

Ogni anno, migliaia di pellegrini percorrono uno dei tanti e lunghi tragitti che dal Portogallo, dalla stessa Spagna ed anche dalla Francia portano alla meta finale che è la maestosa basilica di San Giacomo a Compostela e specificamente alla tomba dell’apostolo Giacomo. I percorsi sono vari ma il più lungo è di circa 800 km e può essere completato in un mese a seconda della forma fisica del pellegrino. Ci sono altri percorsi meno ardui che possono essere completati in meno tempo e con più agevolezza. Ad esempio, partendo da Paredes de Coura, non lontano da Fatima, in Portogallo il percorso può essere facilmente abbordato in meno di dieci giorni, camminando una media di 20 chilometri al giorno.

Questo pellegrinaggio è un’occasione unica nella vita di ogni cristiano. Un’esperienza indimenticabile dal punto di vista spirituale e forse anche d’introspezione personale, questo viaggio potrebbe essere anche un’opportunità unica per rimettere a posto non solo lo spirito ma anche il corpo.

Chi volesse intraprendere questo pellegrinaggio, può associarsi ai pellegrini della Parrocchia di Sant’Andre Bessette a Maple, che assieme al loro parroco, Padre Peter Choi, andranno a Santiago de Compostela a maggio.

Consultate il sito www.TourCentral.ca

Per tutte le informazioni o chiamate il 905-264-5992.

Scarica l’itinerario – Download the itinerary >>>

Corriere Canadese 25, gennaio 2018

Life, Food, and Travel

El Camino de Santiago de Compostela

El Camino de Santiago de Compostela … a pilgrimage for body and spirit

During medieval times, Santiago De Compostela was the destination of one of the three main pilgrimages of the Christian world, along with Rome and Jerusalem. In the last few years this charming Spanish town, the capital of Galicia, has regained its old notoriety thanks also to the influence of social media.

The name Santiago comes from the Spanish “Sant-Yago” and from the Latin “Sancti Jacobi” and it identified Saint James, the Apostle chosen by Jesus at the beginning of his mission.

St. James, together with his younger brother John, was the first disciple to follow Jesus. The scriptures tell us that the two were with their father Zebedee, fishing on Lake Tiberias, not far from home when Jesus called them.

St. James, who according to tradition had a very fiery character and therefore had no qualms about exposing the injustices and tyrannies of the powerful of his time, became the first apostle to become a martyr when he was beheaded by King Herod Agrippa in the first century AD.

Legend has it that His remains were secretly taken to a remote location in Galicia (present-day Spain). In the year 830 a mystic by the name Pelagio had a vision in a dream that revealed to him the location of the remains of the Apostle. The bishop Teodomiro came to the site and found the tomb of the saint. He subsequently declared that locality a sacred place and named it “campus stellae” meaning, “the field of the star”, from which derives the current name Compostela.

Soon after, the locality became the scenario of fierce battles against Muslim invaders who were ultimately defeated in the year 840, thanks to the intervention of the saint. Tradition has it that, in the final battle, the Saint miraculously appeared at the head of the Christian army and the Moors were defeated once and for all. This miracle gained St. James the nickname of “Matamoros”, or “Moors’ slayer” and the area took the name of Santiago. In 1075 a magnificent cathedral dedicated to San James was built in the present day location at Santiago de Compostela.

Every year, thousands of pilgrims travel (primarily on foot) along one of the many long routes from Portugal, Spain, and France that lead to the tomb of the Apostle James. There are many different routes (known as “Caminos”); the longest of which is about 800 km and can be completed in a month depending on the fitness level of the pilgrim. There are other less arduous caminos that can be completed in less time and with more ease. For example, the route that starts from Paredes de Coura, not far from Fatima in Portugal, can easily be approached in less than ten days walking an average of 20 kilometers a day.

This pilgrimage is a unique occasion for travellers everywhere; and not only for Christians. Spiritually it is an unforgettable experience which gives everyone a chance for a deep, inner, and personal introspection. At the very least, this journey presents itself as a unique opportunity to recharge not only the spirit but also the body.

If you are interested in experiencing this unforgettable journey, please go to www.tourcentral.ca or call us at (905) 264-5992.

Education Trends

La Befana

In occasione della festa dell’Epifania, propongo un mio articolo apparso sul Corriere Canadese l’anno scorso.

Toronto – Una delle immagini più tenere che conservo della mia infanzia è quella di appendere ai piedi del letto un grossa calza prima di andare a dormire la sera del  5 gennaio, la notte dell’Epifania.
Tanti bambini come me, in quella notte magica aspettavano con ansia la venuta della vecchia signora, e sognavano che la Befana portava loro giocattoli, balocchi e leccornie. Alcuni di noi avevamo qualche incubo di svegliarsi trovando la calza solo colma di cenere e carboni.
La cara signora, vuole la leggenda, ebbe un fatidico incontro con i Re Magi che si recavano a rendere omaggio al  Bambino Gesù.  E in quella notte che “già fu sì buia”, rifiutò l’invito dei tre sovrani di seguirli a Betlemme, dicendo che era troppo indaffarata  alle faccende della casa.
Ma dopo un breve esame di coscienza, si rese conto che forse avrebbe dovuto seguire i tre illustri personaggi provenienti dall’oriente, e presa la sua scopa volante, uscì in fretta e furia dalla casetta a cercare disperatamente di raggiungere Gaspare e compagni.
Ma ahimè neanche con la scopa volante a propulsione ionica  riuscì a riacciuffare i tre viandanti e come molti di noi quando perdiamo quell’occasione unica che avrebbe anche potuto cambiarci la vita,  cerchiamo spesso di ritornare sui nostri passi anche se con rammarico, poi ci rendiamo conto che più delle volte è già troppo tardi.
Sicché ancor oggi, a distanza di duemila anni,  la brava Befana continua a cercare invano la grotta di Betlemme e va di casa in casa a portare doni ai bimbi buoni imitando i Re Magi che recarono oro, incenso e mirra a Gesù bambino.
I tempi e le usanze sono certamente cambiati e di sicuro la tradizione  della Befana è stata sorpassata da quella di Babbo Natale.  Ma ancor oggi dalla storia della Befana si può ricavare una morale sia per grandi che per piccini.
A parte quella ovvia di fare i bravi bambini se si vuole ricevere premi in ricompensa, la morale più grande secondo me e quella di agire sulle opportunità di far del bene che ci si presentano lungo il cammino della vita, anche quando siamo sempre un po’ troppo indaffarati.

English Version
One of my fondest childhood memories is that of hanging a big stocking at the foot of the bed on the eve of the feast of the Epiphany, January 5th.
Many children, like me, on that magical night would impatiently await the arrival of the “Befana”.  We would dream of receiving toys and goodies from the kind old lady.  Some of us would also have nightmares of waking up to stockings stuffed with ashes and charcoal instead.
The legend has it that, during that night that “was so deep”, the dear old lady had an encounter with the Magi who were on their way to pay homage to baby Jesus. The three Kings invited her to join them on their journey to Bethlehem. But she refused claiming that she was too busy with household chores.
After some reflection, however, she realized that perhaps she should have followed the three illustrious dignitaries coming from the East. She grabbed her magic broom and flew out the door in a desperate effort to reach Gaspar and company.
Alas, she was not able to find the three voyageurs even with her ion charged flying broom. When a unique life-changing opportunity is missed, many of us often try to desperately go back and recapture that moment over and over again, even though most of the time it may be too late.
And so, two thousand years later, the good Befana is still trying to find the grotto in Bethlehem.  She travels from house to house searching and delivering gifts to good boys and girls just as the Magi brought gold, frankincense and myrrh to baby Jesus.
Times and customs have indeed changed and certainly the tradition of the Befana has been replaced by that of Santa Claus. But even today from the story of the Befana we can extract a moral for children and grownups alike.
Aside from the obvious adage that good children will receive gifts as just recompense for their good deeds, in my opinion there is a deeper moral here and that is to do good whenever the opportunity presents itself even if we are taken up with our busy everyday schedule.


Life, Food, and Travel

Giordania

Toronto – Inizio questo primo articolo del 2018 della rubrica “Si Viaggiare” con un augurio di Buon Anno Nuovo a tutti voi e che sia un anno di salute, prosperità e di viaggi.

Come disse Sant’Agostino, Il mondo è un libro, e chi non viaggia, non legge che una sola pagina.

Con questo precetto in mente, e giacché siamo ancora in tema natalizio; domani ricorrerà appunto la festa dell’Epifania, vorrei parlarvi del mio ultimo viaggio in Giordania.

Una terra, la Giordania, non priva di elementi biblici e per via della sua storia e posizione geografica che la porta strategicamente all’incrocio di tre continenti, è da molti considerata come il crogiuolo della civiltà.

La Giordania è una nazione del Medio Oriente politicamente stabile, molto tranquilla e sicura da viaggiare, e oltre ai suoi innumerevoli siti storici è ben servita da ristoranti di fama internazionale, hotel di lusso, attrazioni, spiagge, montagne, deserti, laghi e località di villeggiatura ben attrezzate che non hanno nulla da invidiare a quelle europee o dei mari del sud.

Si arriva alla capitale Amman, come prima importante tappa lungo il nostro percorso. Con oltre quattro milioni di abitanti, Amman è una delle città più visitate del mondo arabo. Una città che malgrado soffra l’incessante impulso della tecnologia e del progresso, riesce ancora a conservare la rara e duplice personalità di metropoli moderna e di antico incrocio di popoli e civiltà allo stesso tempo.

Ciò che la rende innanzitutto turisticamente attraente è senza dubbio la sua storia che risale a ere neolitiche. Basta menzionare le statue di Ain Ghazal, che potrete ammirare nel museo nazionale della Giordania, risalenti a 7250 anni Avanti Cristo.

Rabath Ammon, antico nome di Amman, divenne poi importante presidio Romano e all’epoca fu ribattezzata con il nome di Filadelfia. Nella cittadella, non lontano dal centro della moderna metropoli, rimarrete meravigliati e stupiti nello scoprire forse uno dei più belli e meglio conservati complessi di scavi e ritrovi archeologici d’epoca romana al mondo. Un’intera città romana si dipana man mano che attraversate gli antichi viali, rivelando monumenti e strutture eccezionali.

La seconda tappa d’obbligo in Giordania è sicuramente l’antica città di Petra. A poco meno di tre ore a sud della capitale, e non lontano dalla riserva ecologica “Dana Biosphere”, si apre una serie di canyon attraverso una zona rocciosa e desertica fino ad arrivare ad una delle nuove sette meraviglie del mondo.

Scenario naturale di numerosi film d’avventura, Petra si annovera tra mete di viaggio importantissime al pari di Machu Picchu in Perù o della Grande Muraglia cinese. Arriverete di fronte alle vecchie porte della capitale degli antichi Nabatei, a circa 3 kilometri dall’entrata del nuovo paese di Petra a piedi o se preferite a dorso di un mulo, di un cammello, o di un asino. No vi sono fotografie o aggettivi che possano descrivere adeguatamente la bellezza e l’incanto di questi luoghi. Sarete trasportati in un mondo surreale arricchito da suoni e immagini di bambini sorridenti, di gente di popoli Beduini nomadici che vi accoglieranno a braccia aperte, offrendovi da bere o da mangiare e mettendo a vostra disposizione la loro genuina ospitalità senza troppe pretese.

Dalla parte opposta, a poco più di due ore a nord di Amman, si trova l’antico fonte battesimale sul fiume Giordano; luogo questo di mete di pellegrinaggi e di gruppi turistici provenienti da ogni parte del mondo. La tradizione vuole che fosse proprio qui, da questa parte della riva ovest del Giordano non lontano da Nazareth e dal mare di Galilea, dove Gesù fu battezzato da San Giovanni. L’emozione che trarrete nel bagnarvi in quelle stesse acque è indescrivibile; qualcosa che non dimenticherete mai.

Ci sono moltissimi altri luoghi da visitare in Giordania tra i quali il monte Nebo dove Dio mostrò a Mosè la Terra Promessa, e aldilà delle pianure di Moab s’intravede l’antica città di Gerico.

Visitate la Giordania per un’esperienza davvero indimenticabile; oltre a una vacanza di classe, sarà per voi un viaggio culturale, storico, religioso che arricchirà senz’altro il libro personale del viaggio della vostra vita.

Troverete altri dettagli sui prossimi tour in Giordania su www.tourcentral.ca

Education Trends

Visita a Taipei, Taiwan

Taipei – È sabato mattina qui a Taipei, la capitale del Taiwan. A prime apparenze e` un sabato come tutti gli altri. Sono le otto di mattina e l’abbondante traffico scorre veloce tra le ampie arterie del centro. I venditori agli angoli delle strade da tempo preparano cibi e bevande di ogni sorta e nell’aria afosa e caldissima si manifestano odori esotici. Il cielo è azzurrissimo e senza neanche un minimo accenno di nuvole.

Davanti alla sede del palazzo presidenziale si nota pero` una insolita presenza di militari e forze di sicurezza. Tanto che l’unica foto che ci è stata permessa di scattare è stata presa dal lato opposto dell’ampio viale. Anche i consueti permessi per le viste pubbliche mensili, oggi sono stati sospesi. Un certo celato nervosismo trapela fra le guardie che scrutinano attentamente il via vai dei turisti ed altri che vorrebbero entrare nel palazzo. Un magnifico edificio novecentesco che fu sede dei vecchi “padroni” dell’isola di Formosa; la “White House” della presenza nipponica nel Taiwan.
Notiamo anche un gran rotolo di filo spinato posto strategicamente da un lato all’altro del palazzo a ridosso di due camionette; pronto per essere montato.

La gente di questa splendida città ultra moderna, pulita, ordinata sembra essere ignara di una situazione internazionale che potrebbe in breve tempo diventare una polveriera mondiale.
Taipei non è poi tanto lontano da Pyongyang (la capitale della Corea del Nord). A poco più di mille miglia, potrebbe essere raggiunta da un aereo di linea in volo diretto in meno di due ore. Un missile impiegherebbe soltanto una manciata di minuti.
E mentre Trump e Kim Jong-un continuano a sbraitare minacce uno contro l’altro, i mass media e i notiziari del’isola pronosticano incessantemente cosa potrebbe accadere se ….
Si parla addirittura di battaglie apocalittiche nello stretto a nord dell’isola, il mare della Cina orientale che separa Taiwan dal Giappone, dalla Cina e dalla Corea.

Che questa piccola “nazione”, per via della sua posizione strategica, possa diventare l’epicentro di un conflitto armato proprio tra quelle stesse nazioni che l’hanno, nel corso dell sua esile storia, messa da parte e sfruttata per salvaguardare i propri interessi, è puramente ironico. Infatti sono solo 21 le nazioni al mondo riconoscono ufficialmente il Taiwan come stato sovrano. Queste sono: Belize, Burkina Faso, la Republica Dominicana, El Salvador, Guatemala, Haiti, il Vaticano, l’Honduras, Kiribati, le isole Marshall , Nauru, Nicaragua, Palau,Panama, Paraguay, le Isole di Solomon, Santa Lucia, San Kitts e Nevis, San Vincent e le Granadine, e lo Swaziland. Come vedete non annoveriamo fra di queste Cina, Russia, Stati Uniti, o Corea del Nord.

La vita qui continua inalterata. La città si sveglia e va dormire con il suo frenetico ordine. Il traffico immenso si snoda veloce e senza troppi intoppi ventiquattrore ore su ventiquattro. Taipei, con i suoi quasi cinque milioni di abitanti è assediata da altrettanti motorini che sembrano incessantemente e inaspettatamente sbucare dalle pareti degli enormi grattacieli. Questa metropoli vanta un sistema efficientissimo e ultramoderno della metro’ gigantesco con oltre 12 linee o piu’ (nulla da invidiare alla nostra minuscola, antiquata e inefficiente “subway”). Taipei oggi è casa a cittadini pacifici, sereni, cortesi, laboriosi, amanti del buon cibo e delle buone maniere. Quand’ è stata l’ultima volta che a Toronto avete visto un giovane cedere il posto in pulman ad un anziano o ad una signora incinta? I graffiti sui muri delle citta` o nella metro`? A Toronto, a New York, a Roma o a Parigi si`; a Taipei no!

I Taiwanesi sono gente rispettosa dell’ambiente, amanti della cultura, e dell’umanita`. Gente che ha saputo socializzare e valorizzare la famiglia, lo studio, la pubblica istruzione. Le nostre scuole a confronto delle loro sembrano le casette del Monopoli. La loro assistenza sanitaria e` basata su un sistema d’avanguardia. Per non parlare della religione: i templi qui sono sempre pieni di devoti.

Una società giovane e in forma la cui realtà ha niente a che vedere con i nostri paesi occidentali ormai umanamente stanchi, ossessionati, malati, obesi, scarsi al livello culturale e in preda allo scompiglio sociale e finanziario. Una società che potrebbe insegnare a molte delle nazioni che l’hanno per anni schivata e sfruttata, delle dure lezioni di civiltà.

Life, Food, and Travel

Viaggio a Quebec

I nostri viaggi vi portano oggi a Québec City. Ed è giusto che in questo centocinquantesimo anniversario della nostra bella nazione parlassimo un po’ anche di quello che il Canada ha da offrire dal lato turistico.

Non avete fatto piani per viaggi oltre oceanici e non potete visitare l’Italia o altri paesi d’Europa? Non fatevi sconfiggere dalla nostalgia. A breve distanza da Toronto o dall’altra città sopra Toronto, Vaughan, esiste una perla nascosta che tutti noi, almeno una volta durante la nostra “residenza” qui in Canada dovremmo visitare.

Québec è la capitale della Belle Province e quindi il centro del Canada di lingua francese. La città di Québec è definitivamente la città più europea del nord America con un carisma ben diverso da qualsiasi altra città. Una delle città più romantiche del mondo, Québec è anche uno degli insediamenti più vecchi dell’America settentrionale; oserei dire che è forse la più bella città del Canada.

La citta di Québec fu fondata nel diciassettesimo secolo, dall’esploratore francese Samuel de Champlain su un vecchio insediamento indigeno chiamato Stadacona.

Per via della posizione strategica che occupa sul fiume San Lorenzo, Québec , fu luogo di lunghe e complicate battaglie nel susseguirsi dei secoli tra Inglesi e Francesi che dal 1620 al 1775, quando passò definitivamente in mano alle giubbe rosse, si alternavano a far man bassa delle colonie e territori del nuovo mondo.

Visitando questa città vi sentirete di essere in una cittadina europea di stampo medievale come potrebbe esserlo Aix-en-Provence, in Francia oppure il borgo di Montagnana, in provincia di Padova.

Rimarrete incantati dalla tipica atmosfera provenzale di quest’antica cittadina; con le sue strette stradine, le colline ripide mentre siete alla scoperta di numerosi tesori storici e panoramici lungo il mitico fiume San Lorenzo. Tra le tante attrazioni è d’obbligo menzionare il Palazzo Reale, luogo di nascita della civiltà francese in Nord America, le Pianure di Abramo, Place d’Armes, il famoso hotel Château Frontenac, le Fortificazioni e le mura cittadine.

A proposito delle fortificazioni, è bene notare che Québec è l’unica città delle Americhe che conserva ancora intatte le mura di cinta originali.

Cenate in un tipico e originale locale nel centro storico, dove poterete degustare specialità franco-canadesi e vini di origine francese che non si trovano facilmente in Ontario.

Prima del ritorno a casa non dimenticate di fare una sosta a Saint Anne de Baupré. Un’antica cittadina dove i marinai, secoli fa costruirono una chiesetta in onore di Sant’Anna, a protezione delle loro navi che spesso naufragavano sulle sponde del san Lorenzo. Una magnifica Basilica meta di pellegrinaggi e luogo di molti miracoli, ha oggi rimpiazzato la vecchia chiesetta.

Nei paraggi di Sant’Anna ci sono diversi luoghi di agriturismo, dove potrete anche assaggiare delizie artigianali a base del famoso sciroppo di acero, deliziosi formaggi locali, e pane alla francese il cui aroma vi farà ricordare senz’altro qualcosa dei nostri paesi.

Life, Food, and Travel

TRA STORIA E TRADIZIONI, LA VALLE DEL SAVUTO

TORONTO – Il Savuto è un fiume che nasce dalla Sila e attraversando le province di Cosenza e Catanzaro,  percorre circa 48 km prima di sfociare nel Tirreno non lontano da Amantea, nel golfo di Sant’Eufemia (Lamezia).  Siamo in Calabria.
Gli antichi Greci vollero chiamare questo fiume “Ocinaros” perché scorreva veloce.  I Romani lo ribattezzarono “Sabutus”, dal quale deriva il nome moderno.  Nome che in seguito, fu anche imposto a tutta la valle.
Il fiume Savuto bagna diverse località assai importanti per la loro rilevanza geografica; basta ricordare tra l’altro il vino Savuto DOC, la produzione delle olive e di olio, i fichi, i castagneti , eccetera.
Nei secoli, la valle del Savuto, fu teatro di quella storia che accomuna un po’ tutti i paesi della Calabria nonché  i popoli italici in genere. Dagli antichi popoli bruzi passò alla Magna Grecia. Fu colonizzata poi dai Romani e in seguito vide il susseguirsi del dominio e l’influenza di tanti altri tra cui Visigoti, Ostrogoti, Normanni, Angioini, Bizantini, Spagnoli, Francesi, e Borboni.
Ancora oggi nei vari paesi della Valle del Savuto  si rilevano elementi archeologici e architettonici lasciatici in eredità perenne da tutti questi popoli: Aprigliano, Parenti, Rogliano, Santo Stefano di Rogliano, Marzi, Carpanzano, Malito, Scigliano, Pedivigliano, Altilia, Grimaldi, Aiello Calabro, Martirano, San Mango d’Aquino, e Savuto, per menzionarne solo alcuni.
Tra i tanti tesori troviamo il Monastero di San Francesco di Paola A Paterno Calabro, il centro storico di Mangone, l’antico presidio Normanno e Angioino di Cleto (Pietramala).  A Rogliano ammiriamo le sculture di legno pregiato, l’architettura settecentesca del palazzo del municipio  e le bellissime  chiese antiche, in particolare il duomo e la chiesa di San Pietro.
Le bellezze naturali e i patrimoni storici fanno di questa zona una vera e propria miniera culturale.  Se si aggiungono poi i vari agriturismi, i monti, i laghi e le spiagge che si trovano nelle prossimità limitrofe, ci si rende conto ben presto di essere in uno dei circondari turistici più ricercati al mondo.
Visit http://www.TourCentral.ca for all your travel needs – fabulous tours – great deals
Life, Food, and Travel

Words of Wisdom from Delphi’s Oracle

IMG-20160719-WA0011I sat down under a majestic tree to take refuge from the radiant mid morning sun and the fatigue that suddenly overcame me due to the rather steep uphill walk from the valley below. The sound of the cicadas inundated the air with an ethereal concert.  From the top of the ancient stadium the view of the eternal ruins of Apollo’s temple, where the terracotta green hills and the washed out blue mountains gradually give way to the glistening topaz waters of the Gulf of Corinth in the far distance,  is breathtaking.

It was in this surreal and still enchanting setting that many of the big decisions of the day (C. 4th century BC) were left to the mastery, magic powers and savvy of the Pythia, Apollo’s priestess.

“Yes, this was the internet hub of the day”, replied an old man who I’m certain was reading my thoughts as they slowly seeped out of my forehead along with the many drops of now uncontrollably hot sweat which now profusely irrigated my face.

IMG-20160719-WA0018“Yes!” He added, as he pointed his handcrafted olive wood cane to the middle of the valley below.

“There sat the Sybil and there old and young, rich and, poor, kings and merchants lined up with gifts and homages to ask for advice and for an insight in what the future held for them.”  He continued in his heavy eastern European accent as he sat next to me. He curled both sides of his golden Einstein-style mustache with his ageless stout fingers, and methodically from left to right proceeded to wipe his forehead from under a big white straw hat.

I looked at my watch.  I only had ten minutes to join the rest of the group down the valley below.

His powerful voice carried by a pronounced eastern european accent wasn’t going to worry about my time restrictions.

“Let me tell you a story that few people know around here.”  He pressed on.

“There was a very rich merchant who after travelling the world over many times and having amassed riches and possessions, realized that the days on this earth at his disposal were running short.  In growing his business he had somewhat neglected his family and his only son was now living the good life recklessly.  The old weary merchant wanted to know from the Oracle what else to give the son so that he would be well prepared and live responsibly after his death and what the future held for him.

He deposited a rich donation of gold and silver and a chest full of rare spices at the foot of the Sibyl and as the vapours rose from the pit so did the heavy words of the Oracle.

“You have traveled the world and acquired richness, and knowledge without studies.  And that’s good.  Few men will gain that in their life times as you did. You have witnessed and learned from cultures and peoples all over and that’s good for Culture is the gift of the savvy.   Knowledge and Culture and Wisdom these are the gifts you must leave your son.

You have the first two but to gain wisdom you must first know yourself.

GoIMG-20160719-WA0015 then!  When you get to know yourself you will not need to come back to ask advice from me, said the Sibyl,  because you will have the wisdom to talk to your son.”

–Antío (goodbye) —

I looked down the valley below and the group was all there waiting and waving at me to come down.

I never got to ask about the ending of the story for as I turned around the old man was already gone and in the haze I could barely discern his silhouette walking beyond the massive trees.

 

 

 

 

 

 

 

View More